Economia/Territorio - Economia generale

Panel Trimestrale – Primo trimestre 2010

Panel trimestrale di analisi della situazione economica del territorio reggiano. Il panel è suddiviso in Osservatorio Economico e Mercato del Lavoro.

___________________________

Osservatorio Economico

Al 31 marzo 2010 il numero di imprese della Provincia di Reggio Emilia conta 57.462 unità, 633 unità in meno rispetto a fine 2009. Il macrosettore che conta un maggior numero di imprese è quello dei Servizi (27%), mentre il settore che nel primo trimestre 2010 ha subito un calo maggiore è quello delle costruzioni che registra –330 imprese rispetto alla fine del 2009.

Le indagini congiunturali sull’economia reggiana indicano un andamento negativo di produzione, fatturato, ordini ed esportazioni per l’anno 2009; tuttavia la variazione tendenziale del IV trimestre 2009 registra un lieve miglioramento sia per il settore Industria che per Costruzioni, mentre per il settore del Commercio al dettaglio e dell’Artigianato si rileva l’accentuarsi di variazioni tendenziali negative di alcuni indicatori.

Le indagini condotte dalle associazioni di categoria del territorio evidenziano un quadro congiunturale caratterizzato da segnali positivi.
Nel primi due mesi del 2010 in Emilia Romagna sono fallite 73 imprese, di cui 27 a Reggio Emilia (37%).
Per quanto riguarda il credito, da inizio 2009 l’ammontare dei prestiti alle imprese in provincia è calato gradualmente mentre i depositi sono complessivamente cresciuti del 3%, dopo un brusco calo tra fine 2008 e inizio 2009. L’ammontare delle sofferenze delle imprese reggiane ha subito, invece, un acceleramento nella crescita nel IV trimestre 2009.

Le tipologie di imprese reggiane che nel 2009 registrano variazioni tendenziali dei prestiti vivi più negative sono il settore delle Costruzioni (-10,5%)- e le imprese con più di 20 addetti (-8%), valori in gran parte in linea con i dati regionali.

_______________________________

Indici del mercato del lavoro in Italia
Da quanto emerge dall’indagine Istat, il tasso di disoccupazione a Reggio Emilia e provincia nel 2009 ha raggiunto il 5% (5,6% quello femminile e 4,6% quello maschile), in linea con il tasso di disoccupazione regionale (4,8%).
Il tasso di occupazione raggiunge il 69,8%, (76,7% per le donne e 77,7% per gli uomini) leggermente superiore al tasso regionale che si attesta sul 68,5%.

Gli ammortizzatori sociali
In provincia di Reggio Emilia i dati relativi all’anno 2009 e dei primi mesi del 2010, confermano l’ampiezza, la profondità e quindi la gravità della crisi produttiva e occupazionale nel territorio. Anche se la tendenza in atto indica un maggiore utilizzo di strumenti atti a stabilizzare l’occupazione, pur in presenza di un livello della produzione che rimane ben al di sotto della crisi, la situazione del territorio presenta 24.233 lavoratori coinvolti in sospensioni dal lavoro attraverso gli strumenti ordinari CIGO CIGS e CDS, a cui si aggiungono circa 4.000 lavoratori interessati da ammortizzatori sociali in deroga, e i 23.172 iscritti alle liste di disoccupazione (di cui 4.169 iscritti alle liste di mobilità). Il confronto dei dati relativi al periodo dicembre 2009 e marzo 2010 di aziende e numero di lavoratori interessati dalle due tipologie di ammortizzatori sociali delinea come dopo aver terminato le settimane di cassa integrazione ordinaria previste dalla legge, sia stato necessario per le stesse ricorrere all’utilizzo della cassa integrazione straordinaria, dando inizio ad un processo di travaso da uno strumento all’altro. Nei primi 3 mesi del 2010 le ore di CIGO hanno raggiunto quota 2.023.165, le ore di CIGS (6.391.383 nel 2009). Tra gennaio e febbraio 2010 le ore di CIGS sono arrivate a 1.689.399 ( 3.098.832 nel 2009).
La media mensile di ore di CIGO/CIGS/CDS  che passa dalle 894.754 ore del 2009, al 1.594.634 del 2010. Il maggior numero di ore autorizzate è sicuramente da imputarsi al settore meccanico, che si conferma il più colpito dalla crisi.

Il mercato del lavoro a Reggio Emilia (dati relativi ai mesi di gennaio e febbraio 2010).
La terza sezione è dedicata ai dati forniti dai Centri per l’impiego della Provincia di Reggio Emilia.

In particolare: nel 2010 si registra una leggera tendenza positiva del numero di comunicazioni di avviamenti rispetto alle cessazioni.
Il numero di disoccupati che hanno prestato dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro continua a crescere, raggiungendo 23.172 iscritti. Stessa tendenza anche per le liste di mobilità che registra 4.169 iscritti.

________________________________________________________________

Leggi il documento Panel primo trimestre – Osservatorio Economico

Leggi il documento Panel primo trimestre – Mercato del Lavoro

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!