Economia/Territorio - Agroalimentare

Valore Aggiunto dell’Agricoltura – Anno 2010

La Camera di commercio analizza annualmente i risultati realizzati dall’annata agraria, l’andamento delle principali produzioni, sia in quantità che in valore, i costi sostenuti e il valore aggiunto prodotto

.

Con un valore aggiunto prodotto pari a 352,05 milioni di euro prodotto nel 2010, l’annata agraria reggiana registra, dopo diversi anni di bilanci negativi, un anno di svolta, con una crescita, rispetto al 2009, del 27,5%.

Il positivo risultato raggiunto è determinato dal notevole incremento del prezzo del formaggio Parmigiano – Reggiano che dai 7,4 €/kg del 2009 raggiunge quota 11,42 €/kg, dai sensibili incrementi registrati per i prezzi dei cereali (frumento e mais) e dal lieve miglioramento del prezzo dei vini.

Non mancano, però, anche andamenti negativi, fra i quali, la riduzione delle produzioni cerealicole e viticole e la contrazione della produzione di carne suina che, contrariamente agli altri comparti, non vede alcun miglioramento nei prezzi di vendita.

Gli acquisti di prodotti e servizi funzionali all’attività dell’azienda agricola (consumi intermedi) continuano a ridursi in quantità ma ad aumentare in termini di valore.

Queste alcune delle informazioni che scaturiscono dall’annuale studio sul valore aggiunto dell’agricoltura reggiana che presenta, come di consueto, anche uno spaccato sull’area dell’Appennino

.

Scarica il volume completo

Valore aggiunto agricoltura 2010

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn