Economia/Territorio - Mercato del lavoro

L’occupazione prevista per il 2013 in provincia di Reggio Emilia

La morsa della crisi economica continua a pesare sulla produzione manifatturiera reggiana (-4,4% nel primo trimestre 2013) e, al contempo, sui livelli occupazionali.

Per l’anno in corso, infatti, è previsto un ulteriore calo dell’occupazione nei settori dell’industria e dei servizi, come emerge dalla sedicesima indagine Excelsior, il sistema informativo per l’occupazione e la formazione, realizzata da Unioncamere e Ministero del Lavoro nel periodo gennaio-maggio di quest’anno presso  un campione significativo d’imprese.

I primi dati analizzati ed elaborati dall’Ufficio Studi della Camera di commercio di Reggio Emilia indicano, all’interno delle aziende con almeno un dipendente, un volume di assunzioni che si attesterà a 4.390 unità (di cui 720 stagionali), mentre sono previste 6.110 uscite.

Il saldo, dunque, parla di un calo dell’occupazione pari a 1.720 unità, con un -1,3% che si attesta di poco al di sotto della media regionale (-1,6%) ed è di quasi un punto inferiore alla media nazionale (-2,2%).

Le previsioni dell’indagine sono le peggiori degli ultimi tre anni: per trovare un dato analogamente negativo occorre infatti tornare al 2010 (-1,4%), mentre il primo saldo previsionale positivo risale al 2008 (+1,2%).

Fra i dati che emergono dall’indagine è in tutta evidenza la considerazione delle imprese reggiane circa la necessità di formazione degli addetti, che viene rilevata per l’80% dei nuovi assunti non stagionali, così come la difficoltà a reperire, nel 13% dei casi,  le  figure professionali ricercate.

Il 30% delle assunzioni, infine, è indirizzato a giovani fino a 29 anni.

.

Scarica il testo completo

Previsioni occupazionali 2013

.

Collegati alla banca dati di Unioncamere

Banca dati Excelsior

Be Sociable, Share!
Be Sociable, Share!